Fa notizia la decisione del sindaco della città francese Dijon

Vini all’asta contro la crisi

Venduti i pregiati vini della cantina municipale, il ricavato andrà a beneficio dei servizi sociali

La situazione particolarmente critica in cui versano le finanze del comune francese di Dijon hanno spinto il sindaco della città a mettere all’asta le pregiatissime bottiglie di vino in dotazione alla cantina municipale, che venivano stappate solo in occasione di eventi ufficiali di un certo livello.Più che di una vendita si è trattato di una svendita, visto l’elevato valore della cantina: 3.500 etichete, molte delle quali di annate storiche e di età considerevole (sino al 1965). Ma i proventi, circa 152.000 Euro, serviranno a ridare respiro ai servizi sociali, ormai da tempo ridotti al minimo, per i cittadini di Dijon.
Un ignoto compratore cinese si è aggiudicato per 4.800 Euro la bottiglia più costosa, un Vosne-Romanée Cros Parantoux del 1999.
In tempi di crisi…