Un metodo ecocompatibile per ottenere un'igiene perfetta di ambienti e attrezzature

TEBALDI: l’ozono per la sanificazione sostenibile della cantina

Elevata capacità antimicrobica

Tebaldi Srl di Verona da diversi anni investe in ricerca e sviluppo per portare soluzioni all’avanguardia ai produttori di vino. Una delle barriere più sensibili da affrontare oggi è quella della sanitizzazione e dell’igiene in cantina. Le pratiche di igiene attualmente in uso, spesso con l’ausilio di sanitizzanti chimici a base di cloro e perossidi, presentano alcuni limiti: non garantiscono al 100% l’igiene dei vasi vinari, fatto che comporta la necessità di usare spesso sostanze antisettiche per conservare la qualità del vino ad alto rischio allergenico o di tossicità  (SO2, Sorbato, Dimetildicarbonato, ecc.); occorre una diluizione in acqua ed abbondante risciacquo, con conseguente consumo elevato di acqua; i sanitizzanti chimici inquinano l’ambiente; le sostanze utilizzate sono corrosive e tossiche, spesso pericolose per l’operatore e dannose sui materiali.
Un altro sanitizzante in uso è il vapore, che deve essere secco e prevede una temperatura uniforme in tutte le zone da disinfettare. La garanzia del risultato comporta costi energetici elevati oltre a un non trascurabile inquinamento atmosferico.
La nostra ricerca ci ha portato a proporre l’unico sanitizzante perfetto, l’ozono.
L’ozono è uno dei composti a maggior potere ossidante – dieci volte superiore al cloro – con elevata capacità antimicrobica su batteri, miceti, virus, protozoi e spore batteriche e fungine. L’ozono agisce più rapidamente degli altri disinfettanti normalmente impiegati in enologia, non lascia residui, odori o sapori né nell’acqua né sulle superfici con cui viene a contatto, nemmeno sul legno naturale.
In cantina, grazie all’impiego di un generatore di ozono (foto, attrezzatura sviluppata da MovingFluid Srl), facilmente trasportabile, è possibile ottenere un’efficace disinfezione di serbatoi, botti e barriques, macchine imbottigliatrici e superfici e nel trattamento delle uve e delle acque reflue (applicazioni anche in campagna).

I vantaggi:

  1. notevole risparmio d’acqua in tutte le fasi della sanitizzazione;
  2. risparmio di disinfettanti chimici;
  3. risparmio energetico;
  4. risparmio di tempo: per disinfettare un’imbottigliatrice occorrono pochi minuti;
  5. nessun effetto sugli operatori: il personale non deve essere presente e non deve preparare soluzioni.

I risultati in cantina:
– eccellente efficacia dell’ozono nell’abbattimento microbico;
– perfetta sanitizzazione dei serbatoi e delle linee d’imbottigliamento;
– zero residui nell’ambiente;
– riduzione notevole dei costi di produzione.

L’ozono è già impiegato in diverse realtà vitivinicole italiane e sono disponibili i test e i risultati delle analisi chimiche.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Inserire questo codice*: captcha 

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*