Prima e unica azienda in Italia ad ottenere la certificazione Premium Celiege

Qualità e certificazioni premiano Amorim Cork Italia

Santos: "Investimenti nell’innovazione"

Chi investe in innovazione, qualità e sulle persone vince, anche in tempo di crisi. Potrebbe essere riassunto così il risultato positivo registrato da Amorim Cork Italia nel 2012, un anno difficile ma che ha visto l’azienda leader nelle chiusure in sughero, e sede italiana del colosso portoghese Amorim, consolidare la sua posizione nel mercato italiano.
I dati ancora non ufficiali del bilancio 2012 registrano una crescita del 2,53% rispetto al 2011 che corrisponde a circa 350 milioni di tappi venduti. Un dato che risente del generale calo dei consumi che ha coinvolto anche il mercato vitivinicolo, ma che sommato al +11,6% dello scorso anno ha portato l’azienda coneglianese a crescere, nonostante la crisi, del 55% dal 2008 ad oggi. “Amorim Cork Italia – spiega l’a.d. Carlos Santosè un’azienda solida che ha conquistato la fiducia del mercato vitivinicolo grazie all’efficace competenza dei suoi agenti che garantiscono una completa assistenza pre e post vendita capillarmente su tutto il territorio nazionale, ma soprattutto per l’altissimo livello qualitativo dei suoi prodotti che sono sottoposti ai più rigidi controlli e ai più innovativi sistemi di eliminazione del TCA. Amorim è leader nel mondo anche per il suo ingente investimento in Ricerca & Sviluppo volto a garantire la miglior performance sensoriale a ciascuno dei suoi tappi”.
Un’eccellenza certificata con il livello Premium secondo l’autorevole sistema di certificazione Celiege (European Cork Confederation), che attesta la conformità agli standard di qualità nelle pratiche di imballaggio. Prima e unica azienda in Italia ad averlo ottenuto, Amorim Cork Italia ha richiesto spontaneamente, fin dal primo anno in cui è entrata in vigore, la possibilità di certificare l’azienda ad un livello Premium e ora può vantare il prestigioso riconoscimento di eccellenza nella qualità del prodotto, nella qualità del servizio al cliente, nel rapporto con i dipendenti, che si aggiunge a quelli precedentemente ottenuti: BRC-IOP, FSC-imballaggi, ISO 9001:2008.
I lusinghieri risultati economici permettono ad Amorim Cork Italia di fare importanti investimenti nella ristrutturazione del suo impianto produttivo. “Abbiamo avviato una prima parte dell’intervento – spiega Santos – con l’automazione di tutti i processi di alimentazione e la completa revisione dei sistemi di lubrificazione e imballaggio già nell’estate del 2012 e lo concluderemo nel corso del 2013 con la revisione completa del processo di timbratura”. Un intervento strategico che permette di garantire al cliente una sempre più eccellente performance qualitativa ma che è stato diretto anche verso il miglioramento delle condizioni di lavoro degli operai e la riduzione del loro impatto fisico nei processi produttivi. “Abbiamo introdotto – continua Santos – sistemi di carico e scarico a sforzo zero perché per noi essere “sostenibili” significa partire soprattutto dalle persone. Abbiamo sempre rispettato i limiti di legge relativi agli sforzi fisici a cui sono sottoposti i nostri dipendenti ma ora abbiamo deciso proprio di azzerarli per garantire una sempre migliore qualità del lavoro”.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

Inserire questo codice*: captcha 

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*