Premio Casato Prime Donne, al via l’edizione 2013

Tra le vincitrici degli ultimi anni ci sono la super campionessa sportiva e ora Ministro delle Pari Opportunità Josefa Idem, l’astronauta Samantha Cristoforetti che l’anno prossimo sarà la prima italiana nello spazio, il coraggioso sindaco calabrese Maria Carmela Lanzetta più volte oggetto di attentati e minacce… donne che esprimono un nuovo protagonismo femminile basato sul coraggio, la tenacia e il talento. Esempi che il Premio Casato Prime Donne propone con convinzione e con sempre maggiore risonanza.
Non è secondario ricordare che l’iniziativa è promossa dalla prima cantina italiana con un organico tutto femminile, il Casato Prime Donne a Montalcino, una bandiera dell’enologia in rosa.
Il bando della 15a edizione è diviso in due parti: quella giornalistica comprende il premio del Consorzio del Brunello e le sezioni sul tema Io e Montalcino e Montalcino descritto da una donna, infine il premio fotografico, che vedrà i 5 finalisti sottoposti al giudizio del pubblico attraverso internet.
Il premio Prima Donna viene assegnato ogni anno a una personalità che si sia particolarmente distinta per coraggio e eticità di comportamenti e che, con il suo impegno, abbia valorizzato la presenza femminile nella società e nel lavoro. È scelta da una giuria di sole donne: Francesca Colombini Cinelli, Rosy Bindi, Anselma dell’Olio, Anna Pesenti, Stefania Rossini, Anna Scafuri e Daniela Viglione.
Ogni anno la vincitrice scrive una dedica a Montalcino, che viene messa su un blocco di travertino lungo un percorso nei vigneti di Brunello, accanto alle opere d’arte di giovani artisti toscani. Anno dopo anno queste frasi hanno costruito un itinerario meditativo che rimane come una traccia permanente del premio a personalità eccezionali. Al Casato Prime Donne sono esposte permanentemente anche le fotografie vincitrici delle 14 passate edizioni. Per informazioni sull’edizione 2013 del Premio: www.cinellicolombini.it. Nell’immagine: la vignetta disegnata da Giannelli per il Premio Casato Prime Donne.