I dati presentati da FederUnacoma

Macchine agricole: produzione in crescita

L’aumento dovuto unicamente al buon andamento delle esportazioni

L’industria italiana delle macchine e attrezzature per l’agricoltura, la cura del verde, il movimento terra e la relativa componentistica chiude il 2012 con un incremento di produzione complessivo del 3,5%, che si aggiunge alla crescita consistente già avutasi nel 2011 (+9%). Questi i dati diffusi lo scorso giugno 2013 da FederUnacoma, la Federazione di Confindustria che rappresenta le imprese di settore.
Per quanto riguarda in particolare le trattrici, l’industria italiana ha prodotto nel 2012 un totale di 71.000 unità, corrispondente ad un incremento del 4,5%, per un valore di 2,33 miliardi di euro (+4,7% rispetto al valore dell’anno precedente); per quanto riguarda le altre macchine e le attrezzature agricole, il quantitativo prodotto è pari ad oltre 630.000 tonnellate complessive (+1,5% sul 2011) per un valore di 4,5 miliardi di euro (+2,4% sul 2011).
Aggiungendo le trattrici incomplete e i ricambi si arriva a una produzione totale, in valore, di oltre 7,5 miliardi di euro, per il segmento agricolo (comprendente anche il comparto del giardinaggio e della cura del verde) che corrisponde ad un aumento di quasi il 3,2% rispetto all’anno precedente; mentre il comparto del movimento terra registra una produzione pari a 394 mila tonnellate (+2,3% rispetto al 2011) per un valore di 2,57 miliardi di euro (+4,5% sul 2011).
L’aumento della produzione è dovuto unicamente al buon andamento delle esportazioni, che chiudono il 2012 con un incremento di quasi il 7% in valore per le trattrici e del 7,9% per le altre macchine agricole; mentre il mercato interno chiude l’anno con una flessione complessiva del 10% (le trattrici, in particolare, registrano un crollo del 17,5%, a fronte di appena 19.340 macchine immatricolate che rappresentano il peggior risultato storico dal 1953).