Una stima di Coldiretti

La grandine bombarda vigneti pregiati

Un evento meteo temutissimo in questo periodo dell'anno

E’ arrivato il maltempo al nord dove la grandine ha colpito a macchia di leopardo provocando gravi danni ai vigneti pregiati, ma anche ai campi di cereali e a diverse colture ortofrutticole. E’ quanto emerge da un monitoraggio della Coldiretti sugli effetti della perturbazione che ha interrotto bruscamente una estate 2013 segnata fino ad ora in Italia da una temperatura massima superiore di un grado, ma con il 19 per cento di precipitazioni in meno rispetto alla media di riferimento del passato secondo le elaborazioni su dati Ucea a luglio. Si contano i danni in Piemonte dal Novarese al Vercellese dove le perdite maggiori riguardano i vigneti di Gattinara, bersagliati da grossi chicchi di ghiaccio. Si teme un calo di produzione del 40-50%. La grandine è la più temuta dagli agricoltori in questa stagione perché provoca danni insanabili alle coltivazioni – spiega la Coldiretti – e la perdita di un intero anno di lavoro. A causa dell’andamento climatico il 2013 ha già causato perdite e maggiori costi per oltre un miliardo alle imprese agricole per effetto – conclude la Coldiretti – di una primavera particolarmente piovosa al nord e di una estate pazza con precipitazioni brevi e intense e con grandine mentre alcune aree del nord est si trovano in condizioni di siccità.