Ottimo riscontro di pubblico per una serata nella quale la Barbera d’Asti si è confermata la migliore interpretazione di questo vitigno

Joe Roberts incorona la Barbera d’Asti

Grande performance del prestigioso wine writer americano

joe-robertsLa Barbera d’Asti saluta Torino con la consapevolezza del suo potenziale enologico, questa volta evidenziato da Joe Roberts al termine di una degustazione che ha raccolto nove diverse etichette provenienti da 4 diversi paesi.
All’interno delle sale di Palazzo Barolo oltre ottanta ospiti hanno potuto assistere alla performance del prestigioso wine writer americano, che ha accompagnato la sala in un percorso sensoriale alla scoperta della varie interpretazioni della Barbera. A conclusione della serata un grande brindisi con oltre trecento invitati che hanno festeggiato assieme al Consorzio Barbera d’Asti i suoi settanta anni di vita.
È sempre piacevole degustare del buon vino, assieme a persone piacevoli in un ambiente affascinante come Palazzo Barolo – afferma Joe Roberts al termine della degustazione -. Ancora più speciale è prendere parte ad eventi in cui produttori e appassionati di un vitigno icona di un territorio dall’alto valore simbolico come sono la Barbera d’Asti e il Monferrato si incontrano, per comprendere come altre regioni nel mondo interpretano lo stesso vitigno”.
Attendevamo da tanto il ritorno ufficiale della Barbera d’Asti nella città di Torino – dichiara invece il Presidente del Consorzio Filippo Mobrici –. Sono felice che questo momento sia coinciso con una serata come questa, dove la Barbera d’Asti si è dimostrata tanto capace di competere a livello internazionale quanto di accompagnare gli ospiti nel corso della festa. Un ringraziamento dunque a tutti i presenti, nell’auspicio che questo non sia che il primo di tanti futuri appuntamenti