Per affrontare al meglio la concorrenza del Nuovo Mondo

Indagine dell’Arev sull’offerta enoturistica europea

Un sondaggio cui hanno partecipato ben 30 regioni viticole europee

L’AREV, Assemblea delle Regioni Europee Viticole, ha dato inizio al primo studio sull’offerta dell’enoturismo in Europa. Questo studio è nato da un forte bisogno d’informazione delle regioni, e tra le regioni, sulle azioni condotte in materia di enoturismo. Le regioni viticole devono adattarsi, di fronte all’emergere di un altro modo di consumare e scoprire il vino, con un potenziale di sviluppo economico promettente. Minacciati dalla concorrenza dei produttori del nuovo mondo, che mette in valore il proprio savoir-faire e le proprie innovazioni, i vigneti europei devono servirsi della ricchezza della loro storia per farsi conoscere e partire alla conquista dei mercati extra-europei, ma anche di prossimità.
Su 71 regioni membri dell’AREV, 30 regioni hanno risposto a questo questionario, un fatto significativo e incoraggiante, considerata la molteplicità, complessità e dispersione degli attori della vigna in Europa.

L’interessante studio è disponibile in versione integrale qui