I soci del Gruppo Collis all’avanguardia nell’introduzione dell’informatica in viticoltura

Il quaderno di campagna diventa digitale

Grazie ad un software di facile fruizione, è possibile essere sempre aggiornati sulle modifiche comunitarie relative ai fitofarmaci

È di recente acquisizione, da parte di un gruppo di soci produttori di Collis Veneto Wine Group, il quaderno di campagna digitale. Il registro dei trattamenti, che è obbligatorio per ogni azienda agricola, è già utilizzato nella sua versione informatica nel settore della frutticoltura, ma costituisce una novità per i viticoltori. In Veneto sono ancora poche le realtà che hanno adottato questa metodologia: Collis Veneto Wine Group ha quindi scelto di puntare sulla tecnologia per ottimizzare la gestione dei trattamenti e consentire ai suoi soci di essere aggiornati in tempo reale in merito alle revisioni dei fitofarmaci. L’obiettivo è di permettere ad ogni produttore di avere una gestione facilitata degli obblighi burocratici in fatto di trattamenti delle uve, una compilazione semplificata del quaderno di campagna e il controllo in tempi rapidi dell’adeguatezza alle disposizioni vigenti, in merito agli agrofarmaci ammessi a livello comunitario.
Ogni produttore può facilmente utilizzare il software di gestione attraverso computer, smartphone e tablet, ed accedere, grazie alla propria username e password, ai dati aggiornati relativi alle etichette dei prodotti antiparassitari ammessi dalla legge, in modo da poter utilizzare correttamente le sostanze. Il processo di revisione dei fitofarmaci è infatti continuo, quindi è fondamentale che i produttori possano avere le informazioni corrette circa la validità di un prodotto, ed essere subito a conoscenza delle modifiche apportate dalle normative comunitarie, per non incorrere in sanzioni.
Il quaderno di campagna digitale permette inoltre di registrare e archiviare tutte le operazioni di utilizzo eseguite per la difesa del vigneto, di avere una guida circa l’attuazione del trattamento per periodo e dosi, grazie anche all’indicazione dei prodotti più opportuni. Inoltre, il programma informatico permette di gestire facilmente anche il magazzino, perché automaticamente ad ogni utilizzo dei fitosanitari apporta la relativa modifica sul quantitativo di prodotto acquistato dal viticoltore.
I vantaggi di questo sistema sono molteplici per il produttore – spiega Mirko Trevisi, agronomo e responsabile tecnico Collis – ma anche i tecnici di campagna ne beneficiano, poiché possono verificare a distanza l’adeguamento alle normative comunitarie da parte dei singoli soci. Abbiamo iniziato con un primo gruppo composto da 50 aziende, il 90% concentrate nella zona dei Colli Berici e il restante formato da conferenti agli stabilimenti di Colognola ai Colli e San Bonifacio. Crediamo che in breve tempo seguiranno ulteriori adesioni proprio per i vantaggi che il software offre e per la facilità di utilizzo. Le nuove generazioni stanno progressivamente diventando protagoniste delle nostre aziende agricole, e sono quindi in grado di aggiornare i metodi tradizionali di gestione grazie anche a questi supporti tecnologici”.
Abbiamo subito creduto nei vantaggi che il quaderno digitale offre – sottolinea Giancarlo Lechthaler, direttore generale Collis – non solo in termini di gestione e di rispetto delle normative, ma anche perché questa innovazione va a favore della sostenibilità ambientale e della salubrità del lavoro dei produttori”.