Il trionfo di Luca Martini, dell'AIS Toscana

Il miglior sommelier del mondo è toscano

Coldiretti: è la vittoria di un settore che sa ancora creare occupazione

È toscano e risponde al nome di Luca Martini (nella foto) il Miglior Sommelier AIS del Mondo 2013. Il trionfo di Luca Martini, trentatreenne aretino, è arrivato al termine di una finalissima a tre disputata sul palcoscenico del Park Lane Sheraton Hotel di Londra a cui hanno preso parte un altro italiano, Dennis Metz, e il francese Jonathan Fillion rispettivamente secondo e terzo classificato. Appena ai piedi del podio, l’altro toscano in gara, il pistoiese Andrea Balleri che si è aggiudicato il quarto posto assoluto. Ventotto in tutto i partecipanti alla terza edizione del concorso organizzato dal WSA, provenienti da 21 paesi del mondo.
Con il titolo di miglior sommelier del mondo assegnato a Luca Martini – commenta Coldiretti – vincono 1,25 milioni di italiani, in aumento del 3% nel 2012, che hanno trovato opportunità di lavoro nel vino direttamente in vigne, cantine e nella distribuzione commerciale, ma anche in attività connesse, di servizio e nell’indotto. Un risultato incoraggiante per nuove e rilevanti opportunità di crescita del vino italiano che – conclude la Coldiretti – ha realizzato un fatturato record di 9 miliardi nel 2012 (+5%), realizzato per la maggior parte all’estero (4,7 miliardi).