Valpolicella sempre più a sostenibilità garantita

Il Consorzio Valpolicella spinge sulla certificazione della produzione integrata

Il percorso di certificazione della produzione vedrà coinvolto un campione pilota di dieci aziende volontarie
0
7

Logo-Valpolicella-nuovoSpinge sulla sostenibilità il Consorzio di Tutela Vini della Valpolicella, che lo scorso 24 giugno 2015 ha presentato a San Pietro in Cariano il protocollo di certificazione sulla difesa integrata in vigna approvato da Siquria, società italiana per la qualità e la rintracciabilità degli alimenti. Il percorso, che prevede due certificazioni indipendenti ottenibili anche singolarmente, sarà attivo dalla prossima campagna vendemmiale. La prima si applica alle uve coltivate con la tecnica della difesa dalle tignole mediante confusione sessuale (un metodo biotecnologico preventivo alternativo all’utilizzo degli insetticidi), mentre la seconda disciplina l’impiego di fitosanitari a favore di prodotti a minor impatto ambientale in attuazione del Protocollo Tecnico di Produzione Integrata del Consorzio.
Per Olga Bussinello, direttrice del Consorzio Tutela Vini Valpolicella: “Dal 2011 lavoriamo per garantire alla Valpolicella uno sviluppo che risponda alle esigenze dell’ambiente e del territorio, con soluzioni calibrate sulle possibilità tecniche ed economiche delle nostre aziende. Il percorso di certificazione rappresenta invece uno strumento che risponde anche alle nuove richieste del consumatore, italiano e straniero, sempre più attento alla qualità e salubrità del prodotto. Sta infatti crescendo la domanda di vini ecocompatibili e biologici – ha proseguito Bussinello –, richiesti soprattutto in Germania e Nord Europa, mercati di riferimento per la Valpolicella”.
Il percorso di certificazione della produzione vedrà coinvolto un campione pilota di dieci aziende volontarie e si inserisce nel progetto RRR – Riduci, Rispetta, Risparmia, un’iniziativa che in 4 anni ha quintuplicato la superficie coinvolta, arrivata oggi a 2.000 ettari. Secondo Guido Giacometti, direttore di Siquria: “Un prodotto certificato non è solo sinonimo di sicurezza e coerenza alle specifiche tecniche ma anche un prodotto dal valore unico ed esclusivo. Intraprendere il percorso della certificazione significa adottare una politica di continuo miglioramento per garantire sempre più il costante rispetto degli standard qualitativi attestati”.