I residui di allergeni vanno indicati in etichetta.

Dal 30 giugno 2012 è scattato per i produttori europei l’obbligo di indicare sull’etichetta dei vini la presenza di eventuali allergeni.
Dalla prossima vendemmia, pertanto, le etichette dovranno contenere anche tali informazioni, oltre a quelle riguardanti la presenza di solfiti (l’obbligo, in questo caso, è sorto nel 2005). L’adempimento, previsto dal Regolamento Europeo n. 579 del 2012, riguarda tutte quelle sostanze per uso enologico che derivano da uova e latte (albumina e caseina), presenti in residui superiori a 0,25 mg/l.
Al fine di evitare che le nuove regole pregiudichino la commercializzazione dei prodotti già etichettati, esse si applicano ai vini ottenuti interamente o parzialmente da uve della vendemmia degli anni 2012 e successivi ed etichettati successivamente al 30 giugno 2012.